Lo Stress Natalizio dell’Expat: 5 domande per superarlo

Con l’avvicinarsi delle festività, per noi che viviamo lontano dalla nostra terra d’origine, si avvicina anche il momento di riunirci con persone care che non incontravamo da mesi, a volte da anni. È un momento molto atteso, carico di aspettative, che puó farci sentire gioia, ma allo stesso tempo anche una certa apprensione.

Perché? Continua a leggere Lo Stress Natalizio dell’Expat: 5 domande per superarlo

Mi sento triste e solo…Che faccio? [Guest Post]

Traduco e condivido un post di un musicista e coach spagnolo che apprezzo molto, per il suo saper condividere insegnamenti di grande saggezza con un tono semplice, un po’ ironico e senza fronzoli. È in parte grazie a lui se la mia passione di dipingere balene si è concretizzata nel progetto che è oggi. Qui la sua visione, che risuona in molti punti con la mia, sui momenti di “bajón”, che in spagnolo significa qualcosa come “sentirsi giù di corda”. Cosa fare (e non fare) in questi momenti? Ecco cosa suggerisce Jon Valdivia.

Me siento triste y solo… ¿Ahora qué hago?

Ho una confessione da farti. È da un po’ di tempo che mi sento solo e triste. Passo delle giornate scialbe, noiose, grigiastre. Continua a leggere Mi sento triste e solo…Che faccio? [Guest Post]

Il brianzolismo, mia nonna e il “dover fare”

Quand’è stata l’ultima volta che ti sei seduto a respirare, senza fare niente? Come ti sei sentito? Avevi già finito di fare “tutto quello che dovevi fare” o stavi pensando a quel che c’era da fare dopo?

Nella società in cui viviamo, passiamo la maggior parte del nostro tempo a “fare” cose, e quando non stiamo facendo nulla, a pensare di “dover fare” qualcosa.
Da dove viene questo “dover fare” delle cose per sentirci bene? Che cosa ci fa annoiare, preoccupare o pensare a liste infinite di compiti, anche quando stiamo nel letto, sul sofá o in posti cosí belli che non hanno bisogno di nient’altro che essere vissuti? Continua a leggere Il brianzolismo, mia nonna e il “dover fare”

Le Balene e la Saggezza

Quest’anno per il mio compleanno, a fine luglio, ho ricevuto in regalo dei pennelli. Erano anni che rimandavo di imparare a dipingere ad acquerello, cosí ad agosto ho deciso di comprarmi i colori e iniziare a “giocare”.

Dopo i primi tentativi, un po’ goffi ma divertenti, mi sono appassionata a dipingere balene. Le incontrai l’anno scorso, in Patagonia, e mi sono rimaste dentro. A settembre scorso sono stata ad un incontro interessantissimo con Phillip Hoare, autore del libro Leviathan, or the Whale (Leviatano, ovvero  la Balena): Il libro che stavo leggendo un anno fa, ad ottobre, sulla spiaggia di Puerto Madryn, quando d’improvviso sentii uno sbuffo e, al sollevare lo sguardo dalla pagina, vidi una balena e il suo “piccolo” nuotare nell’oceano di fronte a me. Per poco non mi metto a piangere di gioia. Continua a leggere Le Balene e la Saggezza

Domande frequenti di Aspiranti Expats a Barcellona

Rispondo qui alle domande più frequenti che ricevo dai membri del gruppo Aspiranti Expats a Barcellona,  formato da più di 400 persone che, come te, hanno in mente di lasciare la loro situazione in Italia, per costruire una nuova vita a Barcellona. Le risposte si basano sulla mia esperenza di 10 anni da expat in questa città, e dal mio lavoro come creative essential coach, rivolto ad aiutarti a creare una vita in linea con il tuo talento, ovunque nel mondo ed in particolare in questa città che amo. Continua a leggere Domande frequenti di Aspiranti Expats a Barcellona

Ti sfido a superare la “crisi da rientro”

Come stai? Come avrai già notato, in questi giorni per molti (anche per te?) le vacanze stanno finendo. Il ritorno in ufficio è imminente. L’abbronzatura si sta per sbiadire. Costa fatica ricordare la password del computer, la sveglia torna a suonare ad orari intempestivi. Una sensazione di malinconia per quei giorni passati all’aria aperta, con le persone care, senza preoccupazioni né scadenze, in uno di quei luoghi che ti fanno amare la vita. Dopo due giorni, tutto questo sembra lontanissimo. Continua a leggere Ti sfido a superare la “crisi da rientro”

Decalogo per il professionista che vuole espatriare a Barcellona

Vorresti vivere a Barcellona come un Expat di talento? Ti piacerebbe trasferirti in una città mediterranea all’avanguardia, con un buon clima e un’ottima qualità della vita, e sentirti realizzato professionalmente?

Condivido con te questi 10 punti chiave che ho appreso (non senza fatica) nei miei 10 anni da espatriata, in questa città che mi ha fatto innamorare fin dal primo momento, e che non smette mai di sorprendermi. Continua a leggere Decalogo per il professionista che vuole espatriare a Barcellona

Qual è la tua proposta di valore?

Cercare lavoro qualificato in Spagna, ed in particolare a Barcellona, non è facile. Soprattutto se arrivi dall’Italia, non hai il NIE e ti presenti con un CV in formato standardizzato. E non si tratta di discriminazione. Semplicemente, le persone in cerca di lavoro sono oggi cosí tante e cosí qualificate, che è indispensabile saperti distinguere dalla quantità, valorizzando al massimo le tue qualità, e presentandoti alle persone con cui vuoi lavorare, nel modo più autentico e proattivo possibile. Continua a leggere Qual è la tua proposta di valore?

3, 2, 1…Expat a Barcellona!

Ne hai abbastanza del tuo impiego in ufficio che non ti apporta più niente di nuovo?

Vuoi che la tua vacanza a Barcellona si trasformi in un cambio di vita?

Ti sei innamorato di questa città e stai pensando seriamente venire ad abitare qui? Continua a leggere 3, 2, 1…Expat a Barcellona!

Una domanda che vale mille euro

Una delle cose che come designer e coach non ho mai apprezzato, e mi ha sempre messo abbastanza in difficoltà, è la questione finanziaria e fiscale, insomma tutte quelle “cose burocratiche” di cui sì o sì bisogna farsi carico come liberi professionisti ma, non avendo una preparazione specifica e trattandosi spesso di informazioni in liguaggio tecnico, si danno in affidamento al commercialista e punto, ci si dedica a fare il proprio lavoro senza pensarci più. Continua a leggere Una domanda che vale mille euro