In cerca della Banana Perfetta

Di tutto il cibo prodotto ogni giorno dal sistema alimentare, circa il 40% finisce nella spazzatura. Questo è solo uno dei dati inquietanti che ci fornisce il documentario Just Eat It – A Food Waste Story”

Molto prima che una semplice banana arrivi nella nostra borsa della spesa, ha dovuto superare una selezione strettissima in quanto alla sua lunghezza, colore, diametro e curvatura. Una ricerca della perfezione assoluta, in cui il dolce sapore della polpa non ha nessuna importanza se, per esempio, la buccia presenta una piccola ammaccatura, o la curvatura e il diametro del frutto non rientrano negli standard imposti dall’esigenza del mercato.

Ed ecco nella foto qui sotto, il risultato della selezione. Una montagna di frutta certamente deliziosa, ma esteticamente imperfetta. Che finisce in discarica, dato che è questo il modo piú “economico” di smaltirla, secondo chi la coltiva.

L’attivista Tristram Stuart (UK) con la montagna di banane scartate e distrutte ogni giorno, perché non hanno la “giusta” forma o dimensione.

Al guardare questa foto, qual è la prima cosa che ti viene in mente?

A che risultati conduce tutto questo perfezionismo?

Immaginiamo per un momento che la stessa, spietata selezione si applichi agli esseri umani. Tutti dovremmo corrispondere a rigorosi parametri, di colore, forma e dimensione, per evitare di essere scartati e distrutti. Perfezione o inceneritore.

Ti è mai successo di vivere un eccessivo perfezionismo, verso te stesso o verso gli altri? Come ti fa sentire?

Posso accompagnarti nella tua trasfomazione in una persona reale, autentica, umana. Oltre il perfezionismo imposto dall’Ego.

Contattami per scoprire come!