Si puó disegnare un percorso di Essential Coaching?

Mestieri difficili da spiegare

Avrei potuto trovarmi una professione facile da spiegare. Che ne so, l’hostess di volo, o la pittrice, per esempio. E invece no. Ogni volta che qualcuno mi chiede “che lavoro fai?” io rispondo con la domanda: “quanto tempo hai?” perchè è un po’ complicato. E non è (solo) perché mi piace fare l’interessante. Mi capitava già prima di cambiare lavoro. Le risposte al mio “Faccio la designer industriale”  andavano dall’ “ah, capisco…” con faccia da fai-finta-di-sapere, all’ “ah allora disegni i bulloni?” con conseguente spiegazione del mio impiego creativo, che non aveva soltanto a che fare con i bulloni. Anzi quasi niente bulloni se possibile, ma con il treno nelle sue varie parti, in contatto con gli umani, che lo usano ogni giorno. Semplificando molto, ci voleva circa una mezz’oretta.

Ora che mi dedico all’ Essential Coaching, spiegare quel che faccio di mestiere sembra ancora più difficile da spiegare a parole.

Le immagini e i disegni sono grandi alleati, sia durante le sessioni, sia per semplificare la spiegazione del mio lavoro. In questo post il Visual Thinking, o pensiero visuale, illustra un esempio di percorso di Essential Coaching. Grazie alle sue notevoli abilità grafiche, i 12 incontri di Essential Coaching con il cliente Chiamiamolo Marco sono qui raccontati attraverso immagini semplici, ma eloquenti. Continua a leggere Si puó disegnare un percorso di Essential Coaching?

Per che cosa ringrazi il 2017?

È passato un sacco di tempo dall’ultimo mio post qui. Questo 2017 che sta per finire è stato generoso con me, e mi ha portato un sacco di momenti memorabili. Ne scrivo qualcuno qui, con la promessa di approfondirli con calma e condividere con te le cose che ho imparato.

A Gennaio, ho visitato Oporto. Un posto magnifico, in riva al fiume, pieno di poesia e di aria frizzante.

A Febbraio ho cambiato casa. Ho conosciuto un nuovo quartiere di Barcellona ed affrontato una convivenza difficile. Un periodo un po’ buio, ma non per questo privo di stelle.

Lasciare il mio appartamentino modernista al Poble Sec fu uno dei momenti più difficili del 2017.

A Marzo, ho condiviso con un team eccezionale, esperienze di formazione in luoghi inaspettati.
Ad Aprile, ho trovato una nuova casa piena di sole, in riva al mare, nel quartiere che tanto mi era dispiaciuto lasciare. Che felicità!

A Maggio, ho passato una notte magica in un hotel a 5 stelle, come premio alla migliore foto. Ed ho ammirato Barcellona da posti segreti.

A Giugno ho ri-incontrato dopo tanti anni una persona speciale, e ho ascoltato con lei l’Orchestra Sinfonica sulla spiaggia.

A Luglio mi son presa uno degli acquazzoni piú forti mai visti. E ho dato formazione in una torre, in riva al mare. Un desiderio esaudito!

Clicca qui per sentire la canzone che avevo in testa mentre smetteva di piovere.

Ad Agosto mi sono innamorata, ho visitato ed ospitato persone fantastiche, sono salita in cima a una montagna di oltre tremila metri, e mi si è spezzato il cuore per i fatti delle Ramblas.

A Settembre mi sono divertita un sacco in aula con i colleghi formatori, in Toscana e in Catalunya. E ho ballato per tutto il concerto dei Rolling Stones all’Estadi Olímpic. Mitico!
Ad Ottobre ho iniziato a studiare Cabala, ed ho conosciuto un gruppo di menti meravigliose. Ho pianto al veder bruciare la mia terra d’origine. È stato un mese di fuochi, di rabbia e di vulcani in eruzione.

Cabala, Enneagramma, Saggezza Hindú e Buddista applicati all’Essential Coaching. +info:essentialinstitute.org

A Novembre, ho approfondito lo studio dell’Enneagramma e ho visto quasi tutti i film di Terrence Malick, pieni di filosofia, spiritualità e Bellezza.

A Dicembre ho visitato la “macchina del tempo” di Pompei, ed ho scoperto i lati positivi che puó avere una violenta eruzione vulcanica. Continuo a studiare le tradizioni di Saggezza Orientale, ed ogni giorno le avvicino di più alle mie sessioni di Essential Coaching.

Vuoi sapere come? Prenota il tuo percorso di Essential Coaching .

Com’è stato il tuo 2017? Quali sono i tuoi desideri e progetti per il 2018? Condividi nei commenti!

Tre segreti per una vita più consapevole

La settimana scorsa ti ho proposto un esercizio su come vorresti che fosse la tua vita ideale. Com’è andata? Hai definito con precisione lo scenario?

Oggi ti voglio svelare tre segreti che mi aiutano ad avere una “vita reale” il più vicina possibile a quella che ho visualizzato. Spero ti possano servire di aiuto nel tuo proposito. Continua a leggere Tre segreti per una vita più consapevole

Stai vivendo la tua vita ideale?

È primavera. Tempo di cambiamenti, rinnovamenti e fioriture abbondanti. È un momento perfetto per riflettere su quella che vorresti fosse la tua vita, se non fosse per tutte le limitazioni che ti si presentano ogni giorno: bisogna lavorare, bisogna guadagnare, pagare le spese, bisogna crescere, portare i bambini a scuola, accudire la famiglia, portare la macchina dal meccanico, eccetera. Continua a leggere Stai vivendo la tua vita ideale?

3 passi per avere la vita dei tuoi sogni

Qual è la vita dei tuoi sogni? Ti chiedo di fare un passo oltre gli stereotipi da film, sdraio, caipiriña e spiaggia dorata: in fin dei conti, quanto tempo potresti resistere in un panorama cosí, senza annoiarti? È veramente quello che desideri? E se sì, quanto ti costerebbe ottenere la tua vita ideale, in termini di tempo, di sforzo e di denaro? Prova a fare due conti.

In questi anni che ho scelto di dedicare alla trasformazione personale e professionale, sia mia che dei miei clienti, per accompagnarli a creare e a vivere la vita che veramente desiderano, Continua a leggere 3 passi per avere la vita dei tuoi sogni

La malattia di essere occupati

Articolo originale di Omid Safi

Qualche giorno fa ho incontrato una mia cara amica. Mi sono fermato per chiederle come stava lei e la sua famiglia. Alzó gli occhi al cielo, e sospiró a voce bassa: – Sono molto occupata…molto occupata.. troppe cose tutte insieme.
Poco dopo, ho incontrato un altro amico e gli ho chiesto come stava. Di nuovo, con lo stesso tono, la stessa risposta:Sono molto occupato, ho un sacco di cose da fare. Sembrava stanco, persino esausto.

E non succede solo a noi adulti. Quando dieci anni fa cambiammo casa, eravamo emozionati per andare a vivere in una cittá con buone scuole. Trovammo un buon quartiere, con molte famiglie di origini diverse. Tutto andava bene. Continua a leggere La malattia di essere occupati

Cronos e Kairós

Gli antichi Greci avevano due parole diverse per definire il tempo. Cronos e Kairós.

Traduco per te un articolo di Cris Bolivar su questo argomento, l’originale qui.

“ (…) Stiamo parlando di Cronos e Kairós. Il Kairós è il tempo dell’opportunitá, del fluire, di come accadono veramente le cose. E il Cronos è il tempo cronologico, il tempo dell’orologio: deve passare questo il giorno tale all’ora tale, deve tardare X tempo, etc.

Esiste un racconto su questo tema. Dice cosí: Continua a leggere Cronos e Kairós

In cerca della Banana Perfetta

Di tutto il cibo prodotto ogni giorno dal sistema alimentare, circa il 40% finisce nella spazzatura. Questo è solo uno dei dati inquietanti che ci fornisce il documentario Just Eat It – A Food Waste Story” Continua a leggere In cerca della Banana Perfetta

Cinque buoni motivi per chiamare un Coach

Ultimamente mi è capitato di parlare spesso della mia professione, e una delle domande piú frequenti che ricevo è: ma a che cosa serve un essential coach?

Per rispondere mi vengono in mente cinque esempi pratici, in cui un processo di Coaching puó essere di grande aiuto. Continua a leggere Cinque buoni motivi per chiamare un Coach